Il Blog di Fabbriche Mobili | LA MADIA: FUNZIONALITÀ E DESIGN
15570
post-template-default,single,single-post,postid-15570,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-17.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive
 

LA MADIA: FUNZIONALITÀ E DESIGN

LA MADIA: FUNZIONALITÀ E DESIGN

L’anno nuovo è iniziato e in attesa di scoprire assieme, di mese in mese, le nuove tendenze dell’interior design, vogliamo focalizzarci su un complemento d’arredo che ha saputo rendersi protagonista nel 2019: la madia!

Premettiamo che, a causa della somiglianza strutturale, in alcuni casi la madia viene chiamata “mobile buffet”.

In realtà si tratta di due mobili di origine diversa.

Il mobile buffet è nato agli inizi del ‘500 in Francia.

Il nome deriva dal suo ideatore, Pierre Buffet, cuoco del re Francesco I.

L’idea è nata dall’esigenza di trovare una soluzione che potesse contenere e trasportare il necessario per seguire il re nei suoi spostamenti, trasformandosi al momento giusto in un vero e proprio banchetto mobile.

Le origini della madia invece, sono attribuite alla tradizione campagnola romagnola del ‘600.

Le massaie utilizzavano il piano per impastare le pagnotte di pane (questo spiega l’altezza contenuta del mobile) e nei vani sottostanti avevano lo spazio necessario per riporre gli utensili da cucina.

Nonostante le origini umili la madia è riuscita a diventare un irrinunciabile elemento di design.

Cos’è di preciso una madia?

La madia è un mobile contenitore che si sviluppa orizzontalmente.

Mentre l’altezza della madia è inferiore al metro, la larghezza non ha alcun limite.

Può essere composta soltanto da ante, battenti o scorrevoli, o da un mix di ante e cassetti.

La madia può essere appoggiata a terra, con o senza piedini (questo è il caso delle madie moderne, dall’aspetto monolitico), oppure può essere sospesa, tramite sicuri sistemi in grado di supportarne il peso.

A cosa serve una madia?

Lo scopo principale della madia è quello di rendere confortevole lo spazio.

Il comfort è dato dal fatto che innanzitutto si tratta di un mobile basso e di conseguenza non sono richiesti particolari sforzi per pulirne la superficie.

Se la madia è appoggiata a terra, senza l’utilizzo di piedini, eviterete il deposito di polvere al di sotto di essa, se invece è sospesa non sarà difficile pulire l’area sottostante.

I vani sono spaziosi e permettono di archiviare utensili da cucina e piccoli elettrodomestici un po’ ingombranti come la macchina del pane, minipimer e tostapane, mantenendo ordine nella stanza.

Ma la madia svolge anche una funzione estetica.

Potrete quindi scegliere se acquistare madie più classiche in finitura legno o se sbizzarrirvi con madie moderne, dal design particolare o minimal, che si muovono tra diverse finiture come il laccato lucido, il laccato opaco, il laminato e il legno impiallacciato e sanno uscire dagli schemi ad esempio proponendo elementi innovativi come il design asimmetrico.

Le madie moderne sfruttano anche l’utilizzo di vani a giorno e illuminazione led.

In quale stanza si mette una madia?

La madia è un mobile versatile e può essere inserito in ogni ambiente.

In cucina potrete riporvi molti utensili, stoviglie e piccoli elettrodomestici un po’ ingombranti come la macchina del pane, il minipimer e il tostapane; vi aiuterà a dare un tocco di stile al vostro soggiorno; potrete utilizzarla al posto del comò nella vostra camera da letto; risulterà essere sicuramente utile anche in ufficio, può essere un elegante mobile da ingresso.

Per quanto riguarda lo stile, non farete fatica a trovare quello che più vi si addice! Madia moderna, contemporanea, shabby chic, provenzale, industrial, di design ricercato, vintage e rétro…ogni stile avrà la sua madia!

Insomma, la madia è davvero un mobile semplice ma con grandi potenzialità!

Si aggiudicherà anche nel 2020 un ruolo da protagonista nel panorama dell’arredamento d’interni?