Il Blog di Fabbriche Mobili | ANTA LISCIA O ANTA TELAIO?
15544
post-template-default,single,single-post,postid-15544,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-17.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive
 

ANTA LISCIA O ANTA TELAIO?

ANTA LISCIA O ANTA TELAIO?

L’anta è un elemento che non passa inosservato.

Che si tratti dell’anta dei vostri armadi in camera da letto o dei mobili per la cucina, si parla comunque di un elemento che sa imporsi nell’ambiente in cui viene inserito e ne determina lo stile.

Per questo motivo quando scegliete i vostri mobili dovreste fare delle attente valutazioni sulla scelta delle ante.

L’anta ha la capacità di narrare qualcosa relativamente alla vostra personalità, quindi molto probabilmente, quando vi recherete presso uno showroom di mobili sarete attratti dalla tipologia che più vi si addice.

Nella scelta dell’anta per i vostri mobili comunque bisognerà capire innanzitutto quale ambiente si vuole arredare e quale impronta gli si vuole dare.

Se la stanza è ancora vuota, con l’aiuto dell’anta giusta, potrete dotarla dello stile che preferite, se invece nella stanza ci sono già altri mobili bisognerà fare una scelta coerente.

La prima sostanziale decisione da prendere ricade su anta liscia e anta telaio.

Anta liscia

L’anta liscia si caratterizza per la sua essenzialità.

E’ un’anta sobria ma decisa, che rende il massimo di sé stessa con un meccanismo di apertura a pressione ma che in alternativa può essere dotata di maniglia a gola o può essere valorizzata anche da una maniglia in metallo.

La finitura ideale per le ante lisce è lucida e si presta bene nella realizzazione di mobili orizzontali, magari con ampi cassettoni o con apertura a scorrimento.

Tendenzialmente l’anta liscia è la scelta di chi predilige uno stile moderno, contemporaneo o minimal.

Anta telaio

L’anta telaio, spiegata in modo semplice, è un’anta lavorata.

Le lavorazioni possono essere semplici, come le delicate modanature dello stile provenzale, ma anche molto lavorate (massima espressione la si trova nello stile barocco).

La finitura madre nella realizzazione delle ante telaio è ovviamente il legno.

Si troveranno quindi delle eleganti ante arricchite da cornici, modanature e decorazioni in rilievo o bassorilievo.

Bisogna però precisare che i legni con una venatura molto marcata, come il rovere, risulterebbero essere un po’ pacchiani con troppe lavorazioni e di conseguenza, se utilizzati per ante telaio, richiederanno lavorazioni semplici, come possono esserlo delle modanature lisce.

Delle eleganti maniglie a pomello o delle maniglie in metallo stilizzate ne faciliteranno l’apertura.

Alcune persone prediligono una chiusura con serratura e chiave a sua volta sottoposta a qualche lavorazione.

Gli stili che prevedono l’inserimento di mobili con anta telaio, attualmente più di tendenza, sono senz’altro lo stile shabby chic, lo stile rustico, lo stile provenzale e ovviamente lo stile classico.

Finitura delle ante

Questa è l’altra importante scelta da fare.

Per quanto riguarda la finitura, abbiamo anticipato che l’anta liscia predilige la laccatura, mentre l’anta telaio è solitamente associata alla finitura in legno.

Le ante lisce sono ideali per creare giochi di accostamenti cromatici, ad ogni modo un tocco di colore potrà anche stravolgere lo stile dell’anta telaio facendola passare da uno stile classico a uno stile più moderno.

Si può eventualmente valutare anche un contrasto tra finitura lucida e opaca o azzardare con l’anta specchio quando si decide di acquistare una composizione d’arredo con ante lisce.

Infine, facendo riferimento soprattutto alla zona giorno,  sia nel caso di anta liscia che anta telaio, potrete abbinare qualche pensile o una credenza con anta vetrina.